Home / Videogames / [EDITORIALE] VGNerdWorldNetwork 2013!
[EDITORIALE] VGNerdWorldNetwork 2013!

[EDITORIALE] VGNerdWorldNetwork 2013!

Si sta avvicinando inesorabilmente la fine dell’anno e, in ogni periodo come questo, è l’ora di tirare le somme sull’anno videoludico appena trascorso.
Questo 2013 è stato un anno ricco, pieno di sorprese e novità sia per quanto riguarda i videogiochi, sia per le console stesse, visto che solo poche settimane fa abbiamo assistito alla conclusione dell’uscita degli hardware di ottava generazione con PlayStation 4 e Xbox One, che si sono aggiunte a Nintendo Wii U.
Tra reboot e nuove IP, abbiamo pensato di tirare le somme in modo differente: in questo editoriale alcuni dei membri del nostro staff nomineranno i propri giochi dell’anno (non tutti i “premi” saranno presenti in ogni lista), che comprenderanno titoli rilasciati sul suolo europeo nel 2013, ma anche qualche gioco meno recente che è stato giocato solo negli ultimi dodici mesi (verrà anche indicata la console sulla quale è stato giocato il titolo in questione), eccetto titoli appartenenti a generazioni precedenti alla settima, che verranno citate in un “premio” apposito. Oltre al nome dell’autore della propria personale classifica, troverete anche il nickname utilizzato sulla nostra pagina Facebook, in modo da poter contattare quel determinato autore per uno scambio di pareri o altro.
Infine, non esitate a farci sapere la vostra classifica personale! 

Sofia Marotta [Phimie]

  • Miglior Shooter: Bioshock Infinite (PS3) – Ammetto di non essere più molto avvezza al genere FPS, un po’ perché mi sono concentrata su altri generi e un po’ perché era da tanto che non destavano più il mio interesse: Bioshock Infinite è riuscito dove altri titoli dello stesso genere hanno fallito, regalandomi piacevoli ore con un’ottima trama, splendidi personaggi e un gameplay solido. Peccato solo per i vigor
  • Miglior Action-Adventure: Uncharted: L’abisso d’oro (PSV) – È stato il mio secondo gioco su PlayStation Vita e l’ho trovato molto piacevole e longevo. Non ho trovato la trama chissà quanto originale, ma è stato un ottimo titolo con cui passare l’estate.
  • Miglior Platform: Tearaway (PSV) – Veramente bello con i suoi colori sgargianti e le musiche magnifiche. Il gameplay sfrutta tutte le funzionalità di PlayStation Vita e risulta appagante come titolo da completare.
  • Miglior RPG: Bravely Default: Where the Fairy Flies (3DS) – Le ore sono volate e, una volta terminati i titoli di coda, la voglia di ricominciare tutto da capo è stata fortissima e ha preso il sopravvento. Da solo vale l’acquisto di un Nintendo 3DS.
  • Miglior Picchiaduro: Persona 4 Arena (PS3) – Ho sempre mal sopportato i picchiaduro in 2D, non l’ho mai nascosto, ma questo è stato uno dei pochi a farmi ricredere sia per il fatto che è il seguito di uno dei miei giochi preferiti, sia perché il gameplay è davvero divertente e realizzato splendidamente.
  • Miglior gioco su console portatile: Zero Escape: Virtue’s Last Reward (3DS) – È stato il titolo che ha accompagnato l’acquisto del mio Nintendo 3DS ed è riuscito a emozionarmi con la storia e a farmi scervellare con gli enigmi veramente ben realizzati. Peccato solo che non abbia ancora potuto giocare 9 Hours 9 Persons 9 Doors, quindi certi sviluppi della trama li ho solo potuti capire in parte.
  • Miglior Avventura grafica: Il Testamento di Sherlock Holmes (PC) – Il mio primo approccio con la serie e che mi ha fatto passare circa venti ore tra indagini, enigmi e una trama veramente degna. È passato abbastanza in sordina quando è uscito ed è da giocare assolutamente su PC.
  • Miglior Casual Game: Scribblenauts Unlimited (PC) – Un gioco allegro e senza pretese, che si nutre della fantasia del giocatore e che ha saputo intrattenermi per diverse ore.
  • Miglior gioco su licenza: The Walking Dead (PC) – Telltale Games ha saputo ispirarsi dall’omonimo fumetto di Robert Kirkman per creare un videogioco che emoziona il giocatore e che lo rende parte integrante della storia.
  • Miglior colonna sonora: Persona 4 Arena (PS3) – Ammetto che questa scelta è dovuta al mio essere nostalgica oltre che all’indubbia qualità dei brani: i brani tratti da Persona 3 e Persona 4 conservano il loro fascino anche dopo anni dall’uscita dei rispettivi titoli.
  • Miglior riscoperta: Persona 4 (PS2) – Ripreso in mano dopo due anni senza giocarci, ha saputo ridarmi le stesse emozioni e rimane, per me, uno dei migliori RPG di tutti i tempi.
  • GOTY 2013: Bravely Default (3DS) – L’ho scritto qualche riga fa, da solo vale l’acquisto di Nintendo 3DS. Non so quanti altri titoli riusciranno a prendermi allo stesso modo.

bravely_default_flying_fairy-600x300

Andrea Orlando [Orla]

Partiamo da una premessa: poiché mi viene già difficile riassumere un anno di uscite secondo i miei gusti, includerò nelle mie preferenze soltanto giochi usciti effettivamente nel 2013.

  • Miglior Shooter: Bioshock Infinite (Xbox 360) – Essendo il primo Bioshock tra i miei titoli preferiti della generazione (lasciamo stare il 2…), avevo un sacco di hype per questo capitolo della serie. Hype che è stato pienamente ripagato da quello che si è rivelato essere un gioco stupendo, grazie soprattutto a una trama superlativa e a delle ambientazioni mozzafiato. Sotto il punto di vista del gameplay si poteva certamente fare di più, ma Bioshock Infinite rimane, a mio parere, il miglior Shooter del 2013.
  • Miglior Action-Adventure: Brothers: A Tale of Two Sons (Xbox 360) – Mi aveva ispirato sin dal primo momento, e andando avanti ha continuato a piacermi sempre di più. Brothers è un piccolo grande capolavoro, che tutti dovrebbero provare. Lo stile è simile a quello di capolavori come Ico e Journey, e la qualità non è di certo inferiore.
  • Miglior Platform: Rayman Legends (Xbox 360) – Rayman Legends non solo è il miglior platform del 2013, non solo è uno dei migliori giochi di tutto l’anno, ma è uno dei migliori platform di sempre. Così bello da far vergognare il già ottimo Rayman Origins.
  • Miglior Gestionale: Zoo Tycoon (Xbox 360/Xbox One) – Niente da dire, non è certamente perfetto, ma è l’unico gestionale che ho giocato quest’anno.
  • Miglior RPG: Pokémon X/Y (3DS) – Uno dei motivi per cui comprai, qualche mese fa, un Nintendo 3DS. Forse il miglior capitolo della serie di Pokémon sotto molti punti di vista, da anni non ne usciva uno così convincente.
  • Miglior Strategico: Pikmin 3 (Wii U) – Il primo gioco veramente interessante per Wii U, terzo capitolo di una serie troppo spesso sottovalutata. Pikmin 3, seppur semplificato notevolmente rispetto agli altri due capitoli, rimane un gioco divertente e appagante. Must have per chi ha in casa il gioiellino fisso di casa Nintendo.
  • Miglior Racing Game: Forza Motorsport 5 (Xbox One) – Quando esce Forza, non ce n’è per nessuno. Il nome del brand è una garanzia per tutti gli amanti dei Racing Game simulativi, e anche se, come potete vedere dalla bio, odio i giochi di macchine (beh, quasi tutti), non c’è nulla da fare: Forza non riuscirà mai a non piacermi.
  • Miglior gioco sportivo: NBA 2K14 (Xbox 360) – Non mi sono mai interessato più di tanto al basket, ma ogni anno l’NBA di 2K si rivela essere un gioco veramente completo, con un gameplay solido che riesce, nonostante tutto, a rinnovarsi ogni anno. In più, quest’anno FIFA 14 è stata una mezza delusione per me.
  • Miglior Picchiaduro: Killer Instinct (Xbox One) – Anch’io ero tentato dal votare come miglior picchiaduro del 2013 Persona 4 Arena, ma di fatto è un gioco dell’anno scorso (perché solo da noi è uscito nel 2013 n.d.r.). Dunque il mio voto va a Killer Instinct, fantastico picchiaduro 2D free-to-play in esclusiva Xbox One. Un vero e proprio tuffo nel passato per chi aveva amato il vecchio capitolo per Super Nintendo.
  • Miglior gioco su console portatile: Pokémon X/Y (3DS) – Come già scritto sopra, un gioco decisamente all’altezza delle aspettative. Purtroppo non ho ancora avuto modo di giocare a molti titoli per console portatili che mi interessano, come Bravely Default, The Legend of Zelda: A Link Between Worlds, Fire Emblem: Awakening e Tearaway. Ma, tra quelli che ho giocato, Pokémon vince.
  • Miglior Casual Game: Scribblenauts Unlimited (PC) – Dopo aver giocato i precedenti Scribblenauts su Nintendo DS, è stata una vera sorpresa questo Scribblenauts Unlimited, che mantiene l’innovativo gameplay di base invariato rendendo tutto il resto molto più interessante. Fantastico.
  • Miglior colonna sonora: Bioshock Infinite (Xbox 360) – La musica parla da sé.
  • Miglior gioco musicale: Rocksmith 2014 Edition (Xbox 360) – Forse il miglior gioco musicale di sempre. Se già il primo capitolo era un ottimo gioco, Rocksmith 2014 è perfetto sotto ogni punto di vista, ideale sia per i neofiti, sia per i più esperti.
  • Miglior riscoperta: Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty (PS2) – Dopo moltissimo tempo, quest’anno ho ripreso in mano tutti i Metal Gear Solid. Una delle mie saghe preferite, rigiocata da me quasi per intero. Metal Gear Solid 2, però, è stato il capitolo che ho rivalutato. Basti pensare che, alla prima run, mi sorprese meno di tutti gli altri, ma rigiocandolo ho capito il suo potenziale e l’ho apprezzato alla pari del ben più venerato Snake Eater.
  • GOTY 2013: Bioshock Infinite (Xbox 360) – Una scelta difficilissima per me, molti giochi si meriterebbero questo titolo per svariati motivi, ma non potendo premiarli tutti, scelgo quello che mi ha saputo trasmettere più emozioni. Bioshock Infinite è un gioco che dovrebbero giocare tutti, per capire che, insieme ai classici Call of Duty e Assassin’s Creed, usciranno sempre giochi in grado di far sognare il giocatore, rendendolo fiero di essere un gamer. E Bioshock Infinite è uno di quelli. Grazie, Levine.

bioshock infinite

Pietro Leone [Drake]

È sempre difficile scegliere a chi assegnare un titolo e a chi no, bisogna tener conto di tanti, troppi fattori, ma questi sono i miei pareri personali incentrati tutti sui titoli per PC:

  • Miglior Shooter: Bioshock Infinite (PC) – Trama superlativa che ha lasciato il mondo videoludico a bocca aperta, buono l’alternarsi tra le fasi di shooting e quelle di “tranquillità”. Null’altro da dire tranne che, se non l’avete giocato, fatelo!
  • Miglior Action-Adventure: Tomb Raider (PC) – Ottimo reboot, frenetico e pieno di azione come deve essere un Tomb Raider che si rispetti. Un gioco che ti terrà attaccato al PC fin dal primo momento.
  • Miglior Puzzle Game: Contrast (PC) – Gioco indie che ha colto nel segno, un gameplay particolare, quasi unico nel suo genere.
  • Miglior Casual Game: Scribblenauts Unlimited (PC) –  Di molto superiore al suo successore, Scribblenauts Unlimited è il gioco perfetto per riempire gli spazi vuoti della giornata.
  • Miglior Action-RPG: Dust: An Elysian Tail (PC) – Bel gameplay, ambientazione spettacolare pur essendo un gioco in 2D, belle le combo del protagonista e anche la storia. A mio parere un gioco da provare.
  • Miglior Stealth: Splinter Cell: BlacklistQuale altro gioco se non lo stealth per eccellenza può aggiudicarsi questo titolo? A mio parere Blacklist è il miglior gioco di spionaggio e azione che ho provato in quest’ultimo anno.
  • GOTY 2013: Bioshock Infinite – Ne ho parlato anche prima e non voglio essere ripetitivo. Questo “premio” poteva essere di molti altri giochi, ma la trama, i personaggi, la sensazione che ti lascia una volta completato e l’esperienza di gioco sono davvero insostituibili. Mi auguro che in futuro escano più titoli di questo livello.

Contrast-Package-Art-600x300

Marco Di Luna [DrKirk]

Premetto che troverete anche titoli non usciti esattamente quest’anno, ma da me giocati in questo periodo e quindi ivi inseriti:

  • Miglior Shooter: Killzone 2 (PS3) – È davvero vecchiotto, lo so, ma ci ho giocato solo un mese fa, quando ho finalmente deciso di iniziarmi alla saga. E proprio grazie a Killzone 2 oggi me ne sono innamorato, è un FPS duro e puro con una buona trama (e pure bella lunga) ed un gameplay ai massimi livelli del genere. Cosa aspettate? L’esercito Vektan ha bisogno di voi!
  • Miglior Action/Adventure: The Last of Us (PS3) – L’ultimo lavoro di Naughty Dog è un action adventure con elementi survival di qualità eccelsa: ben strutturato, con un’ottima trama, dei personaggi ben caratterizzati e una longevità fuori dal comune. Un vero must have!
  • Miglior Platform: Tearaway (PSV) – Preso al day one e tutt’ora senza pentimenti, Tearaway è un platform di quelli che ti tengono incollati alla console dall’inizio alla fine. Un tripudio di fantasia e creatività che sfrutta a pieno le features di PlayStation Vita, ergendosi a motivo principale per cui bisognerebbe comprare la console.
  • Miglior gioco di guida: Motorstorm Apocalypse (PS3) – Anche questo è un titolo con un paio d’anni sulle spalle, ma effettivamente quest’anno di giochi di guida ne ho fatti davvero pochi, e fra questi il migliore a parer mio è Motorstorm Apocalypse: il penultimo capitolo della serie arcade di Evolution Studios è tecnicamente portentoso e raggiunge vette di divertimento che non si vedevano da tempo.
  • Miglior gioco sportivo: FIFA 14 (PS4) – Effettivamente, da appassionato di calcio, ho giocato solo questo titolo. L’ho preferito a PES per il gameplay più simulativo e il maggior numero di squadre e modalità, ma non nascondo che mi sarei aspettato qualcosina in più dalla next gen di EA Sports. Resta comunque il punto di riferimento per i calciofili.
  • Miglior gioco su console portatile: Tearaway (PSV) – Da possessore di PlayStation Vita posso giudicare per quello che è uscito quest’anno sulla portatile Sony, e trovo che Tearaway sia il migliore e più degno rappresentante di una console in chiara difficoltà. Senza ripetere quanto scritto sopra, passo avanti.
  • Miglior avventura grafica: The Walking Dead (PS3) – L’avventura episodica di Telltale è riuscita a far breccia nel cuore di tanti, al punto che gli sviluppatori han finalmente deciso di localizzarla e permettere a tutti di capirla a pieno. Senza dilungarmi, posso solo dire che Clementine è diventata come una figlia per me ormai.
  • Miglior gioco su licenza: The Walking Dead (PS3) – Pochi sono i titoli su licenza che non si mostrano mere operazioni commerciali, e con un nome importante come quello di The Walking Dead è straordinario cosa sia riuscita a produrre Telltale. Da giocare, punto e basta.
  • Miglior riscoperta: Resistance: Retribution (PSP) – Oltre alla saga di Killzone, quest’anno ho deciso di darmi anche a quella di Resistance: dopo aver apprezzato a pieno il primo, ho giocato questo spin off portatile in versione TPS e sviluppato da SCE Bend Studio (quelli di Syphon Filter): se non è il migliore della saga poco ci manca, incarna in pieno lo spirito del primo e in più ha un personaggio carismatico come James Grayson (altro che Nathan Hale!). Una piccola perla per PSP.
  • Miglior colonna sonora: Rain (PS3) – Uscito l’ormai lontano 2 Ottobre sullo Store, e quasi passato in sordina, Rain ha saputo colpirmi sin da quando ne vidi il primo video e lo prenotai prendendolo al day one: l’ho trovato fantastico e mi ha colpito come pochi nella mia vita. E gran parte del merito va dato a una colonna sonora d’eccezione, dolce e malinconica.
  • GOTY 2013: The Last of Us (PS3) – Ammetto che ero indeciso fra questo, Rain e Tearaway. Alla fine ho scelto The Last of Us perché l’ho trovato il titolo più completo dei tre, eccellente sotto ogni punto di vista. Un capolavoro!

timthumb

Elia Casule [Elia]

  • Miglior Action/Adventure: The Wonderful 101.
  • Miglior Platform: Super Mario 3D World – Innovativo e classico al tempo stesso, il Mario 3D come non c’era mai stato. Presto la recensione sulle nostre pagine.
  • Miglior gestionale/simulatore: Animal Crossing: New Leaf.
  • Miglior RPG: Etrian Odyssey IV: Legends of the Titan Nonostante altri RPG siano qualitativamente migliori, Etrian Odyssey IV è stata l’esperienza diversa e nuova dell’anno.
  • Miglior strategico: Pikmin 3.
  • Miglior gioco su console portatile: The Legend of Zelda: A Link Between Worlds.
  • Miglior avventura grafica: Zero Escape: Virtue’s Last Reward.
  • Miglior colonna sonora: The Legend of Zelda: A Link Between Worlds.
  • GOTY 2013: Super Mario 3D World.

super-mario-3d-world-600x300

About Pietro Leone

Ha iniziato la sua carriera da videogiocatore con una vecchia PlayStation spolpata fino all'osso, per poi passare a PSP e infine stabilirsi su PC. Apprezza quasi tutti i titoli, ma odia completamente i videogames di calcio. Passa la maggior parte del suo tempo su giochi action, ma non disprezza gli altri generi come gli FPS e le avventure grafiche.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.