Home / Film e Telefilm / Suicide Squad
Suicide Squad

Suicide Squad

Lo volevate? Lo avete atteso con trepidazione? Bene, il momento è giunto e Suicide Squad è finalmente disponibile in tutti i cinema d’Italia e chi meglio di me, signorina con velleità da aspirante Incantatrice, poteva parlarvene? Iniziamo col dirvi che per un film così, che ci ha visti fare un vero e proprio countdown, non potevamo limitarci ad una visione canonica. Infatti abbiamo atteso la proiezione del film in lingua originale, con lo scopo di cogliere ogni minimo particolare e sfaccettatura di questo lungometraggio e ci perdonerete quindi il ritardo nel parlarvene!

In seguito alla morte di Superman il mondo è indifeso a qualsiasi possibile minaccia cosi l’agente governativo Amanda Waller si incarica di assemblare una squadra composta dai più pericolosi criminali che negli anni sono stati assegnati alla giustizia. Harley Quinn, ex psichiatra e adesso compagna e braccio destro di Joker, il cecchino infallibile Deadshot, El Diablo, un uomo capace di emettere e comandare fiamme, l’abile ladro ed amante di unicorni Captain Boomerang, il mostruoso Killer Croc, essere dalle sembianze di coccodrillo ed il mercenario Slipknot. La squadra così composta, una vera e propria Suicide Squad, è sotto il comando del colonnello Flag, pronta all’uso in caso di minacce non gestibili dagli eserciti di soli esseri umani. La minaccia non tarda ad arrivare quando una strega, l’Incantatrice, vecchia di millenni e rinchiusa nel corpo di una giovane archeologa decide di riprendersi il posto che le spetta nel mondo.

joker_harley_suicide

Quando è nato il progetto di questo film lo scopo era uno solo, trascinare il consumatore finale in un vortice di hype infinito fino all’uscita dello stesso, alimentandolo costantemente per intrappolare quanti più spettatori possibili nelle sale. E ci sono riusciti. A cominciare dall’ingannevole mossa di mettere al centro di tutto il Joker che, spinto da un interprete in continua ascesa nel firmamento di Hollywood come Jared Leto, non poteva che essere vincente. Ingannevole si perchè, in fin dei conti, l’apporto del suo personaggio al film stesso è pressoché nullo: quasi sempre è solo presente nello spingere il personaggio di Harley Queen, sua amata compagna. Ovviamente ad un occhio attento sarà palese che la mossa, e molte altre che appaiono nel film e che non vi svelerò, sono tutte mirate esclusivamente ad alimentare ulteriore curiosità e attesa per i prossimi, inequivocabilmente annunciati, capitoli che seguiranno a questo.

Riuscire a non deludere le attese create per un film del genere non era semplice, anzi. E’ palese però che più si puntava in alto e più si era disposti a far bene per questo film e le attese non sono state disilluse. La prima cosa che salta all’occhio, anzi all’orecchio, per questo film è quanto azzeccate siano le musiche e le tempistiche per le stesse. Non c’è nulla che non vada nella colonna sonora e nei tempi musicali, ogni personaggio principale è accompagnato in maniera sublime da un’atmosfera musicale solo sua, mossa incredibilmente riuscita che dona al film un’unicità che poche volte si coglie e, ad ogni personaggio, permette di risaltare senza prevaricare la presenza degli altri. Gli effetti speciali, parte da non sottovalutare quando ci si mette al lavoro su un progetto così, sono impeccabili, senza sbavatura alcuna. Il montaggio però pecca un po’ a livello di trama, ci sono dei passaggi in cui lo spettatore deve prestare particolare attenzione per cogliere il filo della narrazione rispetto all’evoluzione nella storia dell’Incantatrice, tanto che per alcuni attimi si ha proprio la sensazione di una parte mancante del film o di scene montate senza prestare attenzione a questo particolare. Ma cosa è un film senza un cast che si immerga in maniera totalizzante nei personaggi da interpretare? Questa è la domanda che si sono posti i direttori del casting che hanno fatto per Suicide Squad un lavoro più che egregio, ma andiamo con ordine. Harley Queen, nei cui panni si è sinuosamente inserita una spettacolare Margot Robbie. Inutile dire che si è plasmata a immagine e somiglianza del personaggio, divenendone un alter-ego riuscitissimo, tanto più che l’attrice sembra scomparire in favore della bella Harley. Tocca poi a Jared Leto che pare essersi calato anche un po’ troppo nella parte del suo Joker, dandoci un personaggio assolutamente fedele all’ideale dello stesso, insomma più credibile di così non si poteva. Will Smith non sbaglia un colpo, come il suo Deadshot, personaggio che sembra essergli stato cucito addosso e che lui riporta sullo schermo con disinvoltura in maniera magistrale. Ultima menzione per Cara Delevigne, l‘Incantatrice che incanta ma solo a metà. Personaggio bellissimo ma attrice non così convincente come dovrebbe essere, con una performance che scompare letteralmente accanto ai suoi più famosi compagni. Ed alla fine tocca anche alla regia, ottima la prova di David Ayer che dirige un cast stellare in un susseguirsi di scene d’azione che non fanno mai calare il ritmo al film che scorre piacevole fino alla fine.

Lo volevate? Lo avete atteso con trepidazione? Bene, il momento è giunto e Suicide Squad è finalmente disponibile in tutti i cinema d’Italia e chi meglio di me, signorina con velleità da aspirante Incantatrice, poteva parlarvene? Iniziamo col dirvi che per un film così, che ci ha visti fare un vero e proprio countdown, non …

Review Overview

Trama - 7.5
Recitazione - 8.5
Realizzazione Tecnica - 8.5

8.2

Summary : Assolutamente da non perdere, soprattutto in lingua originale!

User Rating: Be the first one !
8

About Azzurra Mayfair

Appassionata di Manga, Anime e cultura giapponese in generale è altresì amante di cinema e musica. Ama leggere, soprattutto libri di genere fantasy. Si è avvicinata al mondo dei videogiochi con la prima versione del GameBoy Nintendo fino ad arrivare al Nintendo3DS, gioca principalmente ai Pokemon.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.