Home / Film e Telefilm / Hunger Games: Il Canto Della Rivolta – Parte 1
Hunger Games: Il Canto Della Rivolta – Parte 1

Hunger Games: Il Canto Della Rivolta – Parte 1

Eccoci qui, a distanza di una decina di giorni dall’uscita nelle sale, a parlare del terzo attesissimo capitolo della saga di Hunger Games. E’ infatti ancora una volta novembre il mese scelto per far uscire il penultimo film della trilogia ispirata ai libri che hanno reso famoso il personaggio della bella e corraggiosa Katniss Everdeen. Hunger Games: Il Canto Della Rivolta – Parte 1 è stato atteso con trepidazione dai sempre più numerosi fan della saga e non ha certo disatteso le aspettative…

Dopo il boicottamento dei 75esimi Hunger Games, Katniss è stata portata in salvo dai ribelli nel Distretto 13 che è tutto tranne che distrutto. Gli abitanti del 13 sono riusciti a scampare alla decimazione totale nascondendosi per decenni e prolificando sotto terra, all’oscuro di Capitol City. Katniss, ancora molto scossa, provata e in ansia per la lontananza di Peeta di cui non conosce la sorte, non riesce a darsi pace. La presidente del Distretto 13, Alma Coin, ha deciso di usare la ragazza come simbolo di ribellione per spronare gli abitanti degli altri distretti a ribellarsi in nome della Ghiandaia Imitatrice e Katniss, all’inizio riluttante, cede quando vede cosa ne è rimasto del suo distretto, completamente raso al suolo dopo l’interruzione degli Hunger Games. Capitol City inizia a mandare in onda dei videomessaggi con protagonista Peeta che condanna con forza l’azione dei ribelli opponendosi al messaggio di ribellione lanciato da Katniss.

hunger-games-il-canto-della-rivolta-parte-1-trailer-ufficiale

Molti si sono lamentati del fatto che l’ultimo libro della saga fosse stato diviso in due capitoli nella trasposizione cinematografica, un po’ perchè ritarda di un anno la tanto attesa conclusione per gli spettatori più impazienti, un po’ perchè si temeva che, allungando il brodo cartaceo per riuscire a produrre due pellicole valide, si sarebbe incappati in un prodotto svalutato. Così non è stato. Quello che ha caratterizzato i primi due film, suspance, azione e scene epiche si trova tanto in questi quanto nel titolo appena uscito. E il pubblico ha apprezzato e continua a farlo, basti guardare i risultati economici che ha ottenuto in America durante il primo weekend di programmazione. Con qualche sfumatura che si discosta dalla versione scritta, Hunger Games: Il Canto Della Rivolta – Parte 1 ci riporta di nuovo nelle atmosfere grigie e claustrofobiche alla scoperta di un mondo che nonostante le differenze, adesso riesce a sembrarci tanto reale e attuale.

Ancora dietro alla macchina da presa Francis Lawrence, già regista del precedente e fortunatissimo capitolo, La Ragazza di Fuoco, che sembra averci preso la mano a dirigere bene gli attori sullo sfondo apocalittico di Panem. Il lavoro, stavolta, era comunque più difficile per il regista in quanto le scene d’azione sono inferiori a quelle nei capitoli precedenti e creare la suspance adatta per non annoiare lo spettatore risultava essere un compito difficile, ma non impossibile. Infatti il film scorre in maniera regolare con colpi di scena piacevolmente distribuiti durante tutta la sua durata. Gli effetti speciali non sono tanti ma rimangono comunque d’effetto colpendo lo spettatore per l’ottima resa visiva. Piccola perla il comparto audio che ci regala una colonna sonora che riesce a svincolarsi dai clichè a cui siamo solitamente abituati. Non mancano le musiche che accompagnano ed enfatizzano perfettamente le scene più importanti ma stavolta c’è anche la voce della bellissima e a quanto pare anche talentuosa cantante oltre che attrice, Jennifer Lawrence nel ruolo di Katniss, che ci dona la traccia The Hanging Tree in uno dei momenti forse più chiave di questo film. Ma non basta perché stavolta la Lawrence si lascia indietro l’alone di fanciullezza impostole nei primi due film e ci offre una performance molto più decisa e imponente rispetto alle precedenti. Poco spazio per il giovane Josh Hutcherson interprete di Peeta, che però ci rende una performance inaspettatamente intensa e convincente. Il film è dedicato al celebre e talentuoso Philip Seymour Hoffman interprete dello stratega e ribelle Plutarch, scomparso prematuramente all’inizio di quest’anno, che non ha deluso la sua fama neanche in questo piccolo cameo.

Eccoci qui, a distanza di una decina di giorni dall’uscita nelle sale, a parlare del terzo attesissimo capitolo della saga di Hunger Games. E’ infatti ancora una volta novembre il mese scelto per far uscire il penultimo film della trilogia ispirata ai libri che hanno reso famoso il personaggio della bella e corraggiosa Katniss Everdeen. …

Review Overview

Trama - 9
Recitazione - 9
Realizzazione Tecnica - 9

9

Summary : Degno terzo capitolo della serie di Hunger Games. Da vedere.

User Rating: Be the first one !
9

About Azzurra Mayfair

Appassionata di Manga, Anime e cultura giapponese in generale è altresì amante di cinema e musica. Ama leggere, soprattutto libri di genere fantasy. Si è avvicinata al mondo dei videogiochi con la prima versione del GameBoy Nintendo fino ad arrivare al Nintendo3DS, gioca principalmente ai Pokemon.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.